Area Professional
Login Richiedi accesso

Cantina
Azienda Agricola Cavalchina - Sommacampagna (Verona)

Stato: Italia
Regione: Veneto
Provincia: Verona
Indirizzo: Via Sommacampagna, 7
Cap: 37066
Cittá: Sommacampagna
Telefono:Visualizza il numero di telefono

Cavalchina è il nome della zona in cui sorge l'azienda, nome che probabilmente gli è stato attribuito per il fatto di essere stata residenza del conte Cavalchini.
Collocata all'estremo Sud-Est dell'anfiteatro morenico del Garda fu da sempre di chiara vocazione viticola, infatti il catasto asburgico nel 1848 riporta già l'esistenza di un numero consistente di vigneti con classificazione di I e II categoria.
Probabilmente tale classificazione non era su basi solamente qualitative, ma teneva conto anche della costante produttiva del vigneto, cioè della sua resistenza alla siccità, nota dominante dei terreni morenici del Garda.
La Cavalchina fu teatro di battaglie nel corso della I e II guerra di indipendenza; a testimonianza della battaglia del 1866 rimane un obelisco di ardesia marrone che ricorda il ferimento del principe Amedeo di Savoia.
L'Azienda Agricola Cavalchina nasce agli inizi del secolo scorso con l'acquisizione del primo nucleo di vigneti , la cantina fu costruita successivamente ed in parte fu destinata a distilleria di vinaccia, impianto che rimase in attività fino al 1967.Il fatto storico più importante legato all'Azienda Agricola Cavalchina nell'ambito vitivinicolo è senz'altro l'invenzione del Custoza, nel senso che la Cavalchina nel 1962 fu la prima a chiamare Custoza il vino bianco della zona, ottenuto dai vitigni di Fernanda, Trebbiano e Garganega e a portare questo vino ad affermarsi nei mercati, allora più importanti, come Roma e Milano.

accetto il trattamento dei dati

(Campi obbligatori contrassegnati da *)

accetto il trattamento dei dati

(Campi obbligatori contrassegnati da *)

Sondaggi

Vino all'expo 2015: ci andrai?

«Il Padiglione dell’esperienza vitivinicola italiana racconta un comparto che più di altri ha espresso la potenza del settore agroalimentare italiano. Penso sia una chiave di lettura straordinaria per spiegare quanto forte è l’Italia nel mondo se fa l’Italia e quindi se produce con qualità all’incrocio fra tradizione e innovazione. Un saper fare che il settore vitivinicolo italiano ha saputo interpretare alla perfezione in questi anni. Per questo il vino è l'ambasciatore del Paese in vista di e oltre Expo 2015. Il Padiglione sarà il racconto della potenza straordinaria della cultura enologica, delle produzioni, della biodiversità e della straordinaria varietà della vitivinicoltura italiana. Fuori dai confini italiani, quando si racconta questo universo la prima reazione è di incredulità e di grande fascino. Lo ha dichiarato oggi il Ministro delle Politiche agricole alimentare e forestali, Maurizio Martina

Risultati Vota
Top