Segui Vinievino su:

CNT_name

Società Agricola La Callaltella S.s.

Società Agricola La Callaltella S.s.

via Callaltella, 13 31048
San Biagio di Callalta (Treviso)

AziendaLa nostra azienda nasce nel 1951, come azienda agricola Fratelli Bonetto, e sorge nel cuore della campagna trevigiana.Il nome La...

ENO_name

Vinifera

Vinifera

Via Savonarola 159 35137
Padova (Padova)

Vinifera è una bottiglieria sita nel centro storico di Padova, in via Savonarola 159. Tratta la vendita di vini di pregio o ricercati e si...

AGR_name

Giuseppe Zatti

Giuseppe Zatti

Via Geloni 26/A 27045
Casteggio (Pavia)

Classe 1961, Maturità Scientifica, laurea in Scienze Agrarienel 1986 con specializzazione in viticoltura ed enologia,esame di Stato nel...

ENL_name

Massimo Urriani

Massimo Urriani

Via G. Vannicola, 16 63036
Spinetoli (Ascoli Piceno)

Nato nel 1970 si è diplomato Perito Agrario con specializzazione in viticoltura ed enologia all'Istituto Celso Ulpiani di Ascoli Piceno...

SOM_name

Patrizia Cambi

Patrizia Cambi

Celle Ligure 17015
Celle Ligure (Savona)

Sommelier Diploma FisarSommelier professionista diplomata FISAR.. Esperienza di servizio in eventi e degustazioni anche in abitazioni private....

CON_name

Consorzio Cembrani Doc

Consorzio Cembrani Doc

Viale IV Novembre, 52 38034
Cembra (Trento)

“Il Consorzio Cembrani D.O.C. pone le proprie basi sul principio dell'unire le forze per uno sviluppo territoriale, culturale e commerciale della...

searchtitle

CELSTAB®, l'efficacia

CELSTAB®, l'efficacia

Prodotti enologici - Vendo

Laffort, forte della sua esperienza e della sua più che decennale attività di ricerca sulle metodiche colloidali applicate alla stabilizzazione tartarica dei vini,  ha selezionato e messo a punto una CMC purificata...

price reserved

Mannostab® l'originale

Mannostab® l'originale

Prodotti enologici - Vendo

Mannoproteina specifica da pareti di lievito, per la stabilizzazione dei sali di bitartrato di potassio nel vino.

Partendo dall'osservazione empirica che i vini bianchi, conservati sulle fecce totali per diversi mesi,...

price reserved

Il fenomeno Vegecoll®

Il fenomeno Vegecoll®

Prodotti enologici - Vendo

Nuove frontiere nel collaggio dei mosti e dei vini. Il nuovo chiarificante di origine vegetale

La corretta chiarifica dei mosti e lo scrupoloso collaggio dei vini restano passaggi essenziali nella produzione di vini...

price reserved

Vino Naturale italiano Vino Naturale italiano

Una filosofia produttiva si sta consolidando tra i produttori: produrre in modo naturale lavorando nel rispetto della terra, del territorio e dei cicli della natura. Fuori dalla logica delle certificazioni i produttori di...

Vino Recioto di Gambellara

Vino Recioto di Gambellara

Il Recioto di Gambellara un vino dolce ottenuto con l'uva Garganega in appassimento. Le uve...

Vino Veneto IGT Bianco dei Muni

Vino Veneto IGT Bianco dei Muni

Colore giallo paglierino con evidenti note dorate esaltate da una sottile velatura legata alla...

Grappa Italiana Grappa Italiana

La Grappa è un famoso distillato tipico italiano. Molte sono le tipologie di Grappe grazie alle vinacce utilizzate in distillazione, all'alambicco impiegato e per scelta del Distillatore. Vinievino ha fatto una attenta...

Grappa Gewürztraminer

Grappa Gewürztraminer

Organolettica Aspetto limpido e cristallino con profumo composito, lungo, che ricorda...

Grappa Chardonnay

Grappa Chardonnay

Organolettica Aspetto limpido e cristallino con profumo delicato e persistente con chiari...

Prodotti della filiera Prodotti della filiera

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

Riscaldatori per il vino a immersione completa

Riscaldatori per il vino a immersione completa

I riscaldatori per vino a immersione completa dell’Elmiti sono composti da un tubo D. 10 mm in...

Vino Rosato italiano Vino Rosato italiano

Il vino rosato acquista sempre maggiore interesse per la grande quantità e qualità della produzione italiana. In quest'area del sito c'è un'attenta selezione di rosati italiani, facilmente consultabili per regione e tipologie.

Vino Corallo

Vino Corallo

Zona viticola: Vigneti siti nel Comune di Sommacampagna (Verona) sulle ultime propaggini delle...

Vino Schiava gentile

Vino Schiava gentile

Vino onesto e genuino, di facile beva, da apprezzare per la sua freschezza e semplicit. Si...

Vino Spumante italiano Vino Spumante italiano

La tradizione spumantistica italiana non ha eguali al mondo per qualità e varietà di vini e lavorazioni. Vini e vino vi permette di conoscere al meglio la produzione di spumanti in Italia, guidandovi tra etichette, zone di...

Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Brut

Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Brut

Tipologia: Conegliano -Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Zona di produzione: Conegliano...

Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Extra Dry

Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Extra Dry

Tipologia: Conegliano -Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Zona di produzione:...

Vino Bianco italiano Vino Bianco italiano

La produzione di vini bianchi in Italia è davvero florida: dal Veneto alla Sardegna, dal nord al sud, le coordinate per orientarsi nel mondo del vino bianco italiano sono offerte da Vini e vino: produzioni, tipologie, regioni.

Vino Tai Veneto - Zerbaia

Vino Tai Veneto - Zerbaia

Questo Tai Veneto bianco unico nel suo genere. Vendemmia manuale, uva surmatura, vinificazione...

Vino Colli Euganei Serprino "Linea Qualità"

Vino Colli Euganei Serprino "Linea Qualità"

Dal colore giallo paglierino, dal profumo fresco e delicato per la sua serbevolezza il classico...

Riscaldatori Riscaldatori

Riscaldatori per il vino a immersione completa

Riscaldatori per il vino a immersione completa

I riscaldatori per vino a immersione completa dell’Elmiti sono composti da un tubo D. 10 mm in...

Tappi di sughero Tappi di sughero

Divinos Frizzante

Divinos Frizzante

Divinos il tappo fai da te Il tappo in sughero affidabile, ecologico e...

Divinos Premium

Divinos Premium

Divinos Il tappo in sughero affidabile, ecologico e garantito Premium Colmatato 45x26 PER...

Vino Rosso italiano Vino Rosso italiano

Il mondo dei vini rossi italiani è estremamente ricco e variegato. Vini e vino vi offre una pronta guida al vino rosso, facilmente consultabile per regione e tipologia.

Rosso di Toscana IGT "Semel"

Rosso di Toscana IGT "Semel"

Allevamento: Cordone speronato. Vendemmia: A mano con una attenta selezione delle...

ROSSO DI MONTALCINO D.O.C. 2014

ROSSO DI MONTALCINO D.O.C. 2014

Uvaggio: 100% Sangiovese grosso detto a Montalcino “Brunello” con denominazione “a...

Vino da Dessert italiano Vino da Dessert italiano

La produzione di vini da dessert avviene in tutta Italia, con tipologie, tecniche di produzione e vitigni diversi che rendono unico ogni prodotto. Questa sezione del sito offre un elenco dei vini dolci più rinomati d'Italia,...

Vino Picolit Friuli Colli Orientali

Vino Picolit Friuli Colli Orientali

Colore giallo oro, pi carico se invecchiato. Ampio bouquet, elegante, che ricorda il miele,...

Vino Moscato D'Asti D.O.C.G.

Vino Moscato D'Asti D.O.C.G.

Vino classico da dessert con gradazione alcolica quasi mai superiore ai 5,5% gradi vol. Colore...

Cavatappi Cavatappi

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

ecommerce_name ecommerce_name

ecommerce_desc

geowine

guide_name

I vini d'Italia 2012 ? Le guide dell'Espresso

I vini d'Italia 2012 ? Le guide dell'Espresso


Edizione numero undici: oltre 10.000 vini recensiti, oltre 2.500 degustazioni, sezione introduttiva sulla degustazione e cartografia di...

webjobs_foldername

Aggreko ricerca partners commerciali

Vendite Italia - Offro Lavoro

Aggreko, leader mondiale nel noleggio di gruppi frigoriferi ed energia elettrica ha sviluppato sistemi ad hoc per il controllo della fermentazione in cantina. Aggreko ricerca partners commerciali inseriti nel mercato del...

Ricerca Agenti plurimandatari

Vendite Italia - Offro Lavoro

Per ampliamento rete commerciale sul territorio nazionale Azienda leader nel panorama di internet per progetto importante su scala internazionale nel settore eno-gastronomico Ricerca Agenti plurimandatari - Candidati...

Turismo del Vino

Terre del Falerno al World Travel Market di Londra: proposto con successo il tour Rows of History ( Filari di Storia) ai Tour Operator inglesi.

Terre del Falerno al World Travel Market di Londra: proposto con successo il tour Rows of History ( Filari di Storia) ai Tour Operator inglesi.

L’associazione ha presentato il tour "Rows of History" (Filari di Storia), un affascinante itinerario enoculturale che si snoda tra  la straordinaria archeologia di un territorio unico, quello attraversato dal Monte Massico, e le sopravvivenze produttive costituite dalle attuali cantine del Falerno del Massico DOP, erede di quel Falerno che fu il vino più celebre dell'antica Roma repubblicana e imperiale, venduto a prezzo quadruplo nelle taverne di Pompei (celebre il prezzario di quella di Edoné) e servito nelle mense più prestigiose dell'epoca. La visita alle ville rustiche romane disseminate in tutta l'area attualmente ricompresa nei territori di Carinola, Cellole, Falciano del Massico, Mondragone e Sessa Aurunca (fra pochi mesi sarà fruibile ai visitatori la fattoria del III secolo a.C.  in fase di scavo e indagine, finanziati dall' amministrazione comunale guidata da Giovanni Schiappa, condotti dal dott. Luigi Crimaco direttore del Museo Civico Archeologico Biagio Greco e realizzati in collaborazione con l'università degli Studi di Perugia) fanno delle Terre del Falerno uno dei comprensori a maggior interesse culturale della regione, assolutamente strategico, come dichiarato il dott. Rocco Perna, dirigente dell'Assessorato al Turismo, per attrarre flussi turistici di enorme rilievo in termini numerici e di audience development. L'enogastronomia apprezzabile in loco, millenaria per antonomasia visto che si sta parlando dell'Ager Falernus, patria di antesignani concetti di "denominazione geografica protetta e garantita" e di "certificazione di qualità" delle produzioni", è stata quindi scelta dal Settore Turismo della Regione Campania, insieme a Capri, Pompei e gli altri grandi attrattori culturali, quale testimone dell'eccellenza campana da proporre negli spazi espositivi e degustativi dello Stand regionale posizionato nell'area "Italia" dell'Enit alla WTM. Le etichette delle aziende Vitis Aurunca, Bianchini Rossetti e Tenute Bianchino, i formaggi del caseificio La Salicella, l'olio extravergine di oliva del Frantoio De Ruosi sono stati degustati anche nel corso della conferenza stampa internazionale presenziata dall'Assessore Regionale al Turismo e ai Beni Culturali della Regione Campania Corrado Matera. Grande successo ha ottenuto la dolciaria di Dario Saltarelli, che ha proposto panettoni tradizionali con canditure ottenute da prodotti Dop della zona come la mela annurca. Livelli di sperimentazione di cui è precorritrice l'Antica Distilleria Petrone di Mondragone (ricordiamo il liquore Guappa al latte di bufala) altra eccellenza delle Terre del Falerno, i prodotti della quale hanno riscosso anch'essi grande affermazione. La Presidente dell’associazione Terre del Falerno, Maria Zampi, ha espresso forte soddisfazione visto il numero di operatori turistici internazionali affascinati dal “Brand Falerno”, inteso come produzioni e territorio. Con il protagonismo alla WTM, Terre del Falerno (che ricordiamo essere un'aggregazione tra enti locali, operatori della produzione enogastronomica, associazione di categoria ed istituzioni culturali) ha determinato una messa in valore dei territori in parola mai conseguita in precedenza. Mario Stramazzo

Autunno in Franciacorta - Di cantina... in cantina

Autunno in Franciacorta - Di cantina... in cantina

Long week end alla scoperta della Franciacorta, dei suoi vini, dei suoi prodotti A Rovato, dall'1 al 30 novembre, il Mese del Manzo all'olio

Trentino, tutti gli eventi dell'ultimo weekend di DiVin Ottobre

Trentino, tutti gli eventi dell'ultimo weekend di DiVin Ottobre

Si conclude il ricco calendario di iniziative a tema enogastronomico organizzate nei fine settimana dei mesi di ottobre dai soci della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino che, anche quest'anno, ha visto una importante partecipazione di pubblico, sempre più attirato dalle possibilità di conoscere da vicino le produzioni tipiche del territorio tra cantine, aziende agricole, ristoranti e agriturismi.

Vino e Distillati

'A tutta torba!' giornata dedicata ai whisky torbati al Chorus Cafe' di Massimo D'Addezio

'A tutta torba!' giornata dedicata ai whisky torbati al Chorus Cafe' di Massimo D'Addezio

"A Tutta Torba!", giornata dedicata interamente ai whisky torbati con centinaia di etichette, bottiglie fuori dal comune e l'Ardbeg Cocktail Bar, gestito dal 'padrone di casa' del Chorus Cafè, Massimo D'Addezio.

Si tiene a Roma, presso il Chorus Cafè (via della Conciliazione, 4), a partire dalle ore 15:00 fino a mezzanotte, 'A Tutta Torba!', una giornata intera dedicata interamente ai whisky torbati, con centinaia di etichette, bottiglie fuori dal comune, per tutti i palati! L'evento, organizzato dalla direzione artistica di Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival, il più importante festival di settore italiano - la cui sesta edizione si terrà il 4 e 5 marzo 2017, nella consueta location del Salone delle Fontane all'Eur - è a ingresso gratuito, previa registrazione sul sito www.spiritofscotland.it Grande risalto sarà dato all’Ardbeg Cocktail Bar, gestito dal 'padrone di casa' Massimo D’Addezio e dal suo staff. Spazio anche al cibo, con piatti tipici della cucina scozzese da abbinare ai propri torbati preferiti e in collaborazione con lo shop Whisky & Co, sarà possibile acquistare numerose bottiglie presenti. “Per noi - sottolineno i direttori artistici di Spirit of Scotland - Whisky è sinonimo di Passione. Torbosi o torbati,in qualsiasi modo li si voglia chiamare, è innegabile che questi whisky riscuotono sempre un grande successo. La torba è presente in tutto il pianeta eppure, anche solo rimanendo in Scozia, c’è torba e… torba! Per questa ragione abbiamo pensato di creare un evento per tutti gli appassionati di questa categoria di aromi, proponendo, in una manifestazione di una sola giornata, le molteplici e variegate espressioni possibili”. Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival (prossima edizione 4 e 5 marzo 2017) riunisce le migliori aziende nazionali e internazionali in un evento che promuove la valorizzazione e la diffusione della cultura del whisky di malto attraverso un approccio basato sull’interazione tra business, formazione ed entertainment. Il Festival si presenta come una delle più importanti manifestazioni italiane del settore. Un vero e proprio brand che sostiene e promuove il whisky; un marchio di qualità che ne favorisce la divulgazione in un sistema volto a sostenere l’interazione tra i principali attori del settore. Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival è un imperdibile appuntamento per tutti coloro che vivono il mondo del whisky ricco di eventi, degustazioni libere, masterclasses, seminari sulla mixology, incontri affidati ad esperti del settore con l’obiettivo di creare appuntamenti ad alto contenuto di “single malt”. Ingresso gratuito Evento organizzato in collaborazione con Ardbeg, Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival, la cui sesta edizione si terrà a Roma, il 4 e 5 marzo 2017. Evento su facebook: www.facebook.com/events/1782665252019482/    spiritofscotland.it   info@spiritofscotland.it   tel. 06 50081251 Mario Stramazzo

A Niccolò Branca il

A Niccolò Branca il "Premio Capitani dell'Anno 2016"

Un nuovo prestigioso riconoscimento al Presidente e Amministratore Delegato di Fratelli Branca Distillerie, l'azienda milanese che da 171 anni porta l'eccellenza italiana in tutto il mondo

Vino e professioni

 AGIVI:  FEDERICO TERENZI ALLA GUIDA DEI GIOVANI IMPRENDITORI VINICOLI

AGIVI: FEDERICO TERENZI ALLA GUIDA DEI GIOVANI IMPRENDITORI VINICOLI

Cambio della guardia al vertice dell'associazione AGIVI. Fare sistema e consolidare il settore sono le parole chiave su cui si baserà il programma del neoeletto presidente Federico Terenzi, che succede a Carlotta Pasqua.

Questo il ritratto di Federico Terenzi, nuovo presidente nazionale AGIVI per il triennio 2017 - 2020, eletto il 25 novembre 2016 presso il Magna Pars di Milano in occasione dell’assemblea annuale dell’associazione. Già vicepresidente nell’ultimo triennio, Federico Terenzi succede a Carlotta Pasqua, imprenditrice per due mandati alla guida dei giovani imprenditori vinicoli, dalla quale eredita un programma di lavoro ben definito, basato su formazione, competenza e collaborazione. “La linea del prossimo triennio – ha evidenziato Federico Terenzi nel suo discorso di insediamento - sarà di continuità con quella del presidente Carlotta Pasqua e del Consiglio uscente, puntando su una crescita della base associativa e su una offerta formativa personale e professionale per gli iscritti. Grazie a seminari e alla visita a realtà vitivinicole internazionali la sfida sarà fare crescere sempre più la figura dell'imprenditore vitivinicolo. Punteremo a un consolidamento del nostro rapporto con Unione Italiana Vini, mettendo a disposizione le nostre idee e le nostre competenze in un settore sempre più dinamico e competitivo”. Tra i punti fondamentali del prossimo triennio c’è infatti la volontà di accrescere ulteriormente il legame e gli scambi con l’UIV, collaborando sui temi portati avanti dall’Associazione dei Senior, come gli aspetti politico normativi, il commercio internazionale, il marketing associativo e i progetti Wine in Moderation e Bere Consapevole. Una volontà ribadita anche dal presidente UIV Antonio Rallo, che ha voluto complimentarsi con il neoeletto presidente: “Insieme alle congratulazioni e auguri di buon lavoro al nuovo presidente Federico Terenzi e al rinnovato Consiglio Direttivo di AGIVI, desidero ringraziare la past president Carlotta Pasqua e i consiglieri uscenti per l’appassionato impegno dedicato alla crescita associativa e ribadire l’impegno di UIV per l’ulteriore rafforzamento e rilancio dell’associazione dei giovani imprenditori dell’Unione Italiana Vini. Studieremo insieme un progetto per consolidare e rendere più organico il rapporto tra AGIVI e UIV, forti anche del lavoro portato avanti con noi da Carlotta Pasqua in questi anni. Il mondo del vino italiano ha bisogno di nuove idee e di tanta energia per un prospero futuro, proprio quei caratteri che ritroviamo nei giovani di Agivi.” Federico Terenzi: Nato a Milano il 7 settembre del 1978, dopo aver conseguito l’MBA in Wine Business presso il Mib di Trieste, ha assunto la guida della Cantina Terenzi di Scansano, una realtà giovane e dinamica nata nel 2001 dall’intuizione del padre Florio di trasformare la tenuta di famiglia in Maremma in una azienda vitivinicola. L’azienda si è rivelata in poco tempo una punta di diamante nella produzione del Morellino di Scansano e un punto di riferimento per l’enologia Maremmana, meritandosi numerosi riconoscimenti tra i quali nel 2012 il titolo di “Cantina Emergente dell’anno” dal Gambero Rosso. Federico si occupa in prima persona con il fratello Balbino della gestione dell’azienda, che oggi si estende su 150 ettari di cui 60 vitati, e ricopre in azienda il ruolo di Amministratore Delegato e Direttore Commerciale.   Ufficio Stampa: Gheusis Srl – tel. 0422 928954

VINO E CULTURA NELLE SCUOLE

VINO E CULTURA NELLE SCUOLE

La seconda edizione del progetto "Il Bere Consapevole" promosso dalla Consulta Nazionale del Vino Italiano torna tra gli istituti superiori e professionali del bresciano.

"Siate sognatori e scegliete ciò che vi rende felici"

Il Rettore "social" Luigi Dei, dall'Università di Firenze a Rondine per parlare di futuro con i giovani toscani"

Vino e cultura

Barolo, Amarone, Taurasi ma ancor di più piace il Bursôn

Barolo, Amarone, Taurasi ma ancor di più piace il Bursôn

L'annata 2011 della Tenuta Uccellina è stata giudicata da una giuria popolare il miglior vino nel corso di una serata-evento che l'ha vista confrontarsi con alcuni dei vini più blasonati d'Italia

Nel corso di una serata-evento di successo organizzata dal Consorzio “Il Bagnacavallo” il 29 novembre, alla quale hanno partecipato oltre 100 persone, tra cui produttori, giornalisti e moltissimi eno-appassionati, il Bursôn Etichetta Nera annata 2011 della Tenuta Uccellina di Russi si è aggiudicato il confronto con 4 fra più blasonati vini d’Italia. Il Bursôn si è così imposto, nel giudizio del pubblico che alla cieca ha degustato tutti e cinque i vini,  nei confronti di: Barolo DOCG dell’Azienda Sordo Giovanni di Castiglione Felletto (CN), Amarone della Valpolicella DOCG dell’Azienda Monte Tondo di Soave (VR), Taurasi DOCG del Viticoltore Terredora Di Paolo di Montefusco (AV), Nobile di Montepulciano DOCG della Fattoria Palazzo Vecchio di Siena. Una bella soddisfazione per la Tenuta Uccellina (che si è aggiudicata la disfida per il 4 anno consecutivo, per la quinta volta da quando si svolge l’evento) e per tutti i produttori del Consorzio che da tempo investono su questo vitigno autoctono e che ogni anno vedono aumentare il proprio successo a livello locale e non solo. A decretare il miglior vino della serata è dunque stata la “giuria popolare”. A questa valutazione si è poi aggiunto il giudizio “tecnico” espresso da una commissione costituita da giornalisti esperti del settore enogastronomico. Anche per gli esperti del settore il miglior vino della serata è stato il Bursôn, che se l’è giocata fino all’ultimo con il Barolo, ottenendo un punteggio di 89,62 (contro l’88,62 del Barolo). All’appuntamento, inoltre, hanno partecipato anche i titolari di tutte le aziende i cui vini sono stati impegnati nel confronto, a dimostrazione dell’interesse e della validità dell’iniziativa. Tutti unanimi nell’apprezzare il valore dell’iniziativa e a sottolineare la qualità del Bursôn, un prodotto a loro sconosciuto, o quasi, ma che ha saputo ben impressionare anche chi produce vino di qualità da decenni. consorzioilbagnacavallo.it.   Ufficio stampa “Consorzio Il Bagnacavallo”:

CANTINE APERTE FOR WEDDING IL 27 E 28 NOVEMBRE: TUTTO IL FASCINO DEL MATRIMONIO IN CANTINA

CANTINE APERTE FOR WEDDING IL 27 E 28 NOVEMBRE: TUTTO IL FASCINO DEL MATRIMONIO IN CANTINA

Il 27 e 28 novembre l'appuntamento per scoprire tutto il fascino del matrimonio in cantina. Dal Lago Trasimeno a Montefalco, dai dolci Colli Perugini all'Alta Valle del Tevere, dal romantico Orvietano alla campagna più intima del Cuore verde d'Italia, l'Umbria del Vino diventa cornice di un originale Giorno del Si, grazie alla collaborazione tra il Movimento Turismo del Vino Umbria e Coef Eventi

MERCATO DEI VINI : LUIGI GREGOLETTO VIGNAIOLO DELL'ANNO

MERCATO DEI VINI : LUIGI GREGOLETTO VIGNAIOLO DELL'ANNO

La consegna del premio durante la sesta edizione del mercato della FIVI, sabato 26 e domenica 27 novembre a Piacenza.

Vino e cibo

GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2017:  LA LOMBARDIA PREMIATA CON 15 RICONOSCIMENTI

GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2017: LA LOMBARDIA PREMIATA CON 15 RICONOSCIMENTI

Dieci le Super Tre Stelle assegnate alla Regione, tre i Grandi Esordi, un luminosissimo Sole - premio speciale della Redazione - e il Migliore Assaggio nella tipologia vini bianchi. Presentata anche l'applicazione I Vini di Veronelli 2017 per smartphone e tablet.

L’edizione 2017 della Guida Veronelli è la più ampia dell’ultimo quinquennio e, con un lavoro di ricerca, verifica e degustazione, presenta una selezione di 2.049 aziende vitivinicole per un totale di 16.252 vini. All’interno di quest’ampia rappresentativa del panorama enologico italiano, soltanto 346 etichette hanno meritato le Super Tre Stelle, massimo riconoscimento della pubblicazione, assegnato ai vini giudicati con punteggio uguale o superiore a 94/100. Quest’anno 28 sono i Grandi Esordi, vini eccellenti alla loro prima apparizione, mentre come di consueto cinque sono i Migliori Assaggi - etichette che, una per tipologia, hanno ottenuto in assoluto il giudizio in centesimi più elevato - e dieci i Sole, premo speciale della Redazione. Se la sfida tra regioni vede Toscana e Piemonte saldamente al comando, la Lombardia si è fatta onore con ben 15 vini premiati: tra questi, dieci hanno ottenuto le Super Tre Stelle e tre sono stati i Grandi Esordi lombardi, dato, quest’ultimo, che testimonia la vitalità del tessuto produttivo regionale. Ma la Lombardia si è fatta valere anche nell’ambitissima selezione dei Sole 2017, vini che la Redazione ha inteso portare all'attenzione dei lettori per originalità e valore, grazie all’esordio di Tenuta Vinea Scerscé (Tirano, Sondrio) e al suo “solare” Sforzato di Valtellina Infinito 2010. Nulla da invidiare ad altre regioni nemmeno dal punto di vista dei Migliori Assaggi, vini indicati dalla Guida Veronelli come vertici qualitativi dell’Italia enoica: il titolo di miglior vino bianco, infatti, è stato attribuito al Curtefranca Bianco Chardonnay 2012 di Ca’ del Bosco (Erbusco, Brescia), vero e proprio “capolavoro liquido” cui Gigi Brozzoni - con Daniel Thomases curatore della pubblicazione - ha assegnato la straordinaria valutazione di 97/100. «Ogni anno scegliamo una regione diversa per presentare in anteprima la nuova edizione della Guida Veronelli. Un momento dedicato alla Lombardia è, però, costante e imprescindibile: la nostra pubblicazione, infatti, ancora oggi nasce a Bergamo, città in cui Luigi Veronelli ha vissuto e operato a lungo. A Bergamo, dal 1986, ha sede il Seminario Permanente di cui Veronelli è stato socio fondatore e presidente onorario, l’associazione che redige ed edita il volume. Presentare la Guida Oro a Bergamo è un modo per ribadire il legame costante con l’opera e i valori del nostro ispiratore, una vicinanza che teniamo particolarmente a ricordare oggi, alla vigilia del dodicesimo anniversario della sua scomparsa, avvenuta il 29 novembre 2004. Che il suo approccio al settore agroalimentare, al vino in particolare, sia ancora di grande attualità è testimoniato da un semplice dato: in un momento di grave crisi per il settore editoriale, l’edizione 2017 della Guida Veronelli è la più ampia tra quelle realizzate nell’ultimo quinquennio. Oltre duemila le realtà aziendali presentate, duemila inviti a “camminare la terra” a conoscere territori e vignaioli, ad esplorare quella “civiltà contadina” che - nelle sue tante, talvolta contraddittorie, declinazioni - è per noi un patrimonio irrinunciabile» - ha dichiarato Andrea Bonini, direttore del Seminario Veronelli, associazione senza scopo di lucro per la cultura del vino e degli alimenti. Nel corso dell’evento, inoltre, è stata presentata la versione digitale, per smartphone e tablet, della Guida Oro I Vini di Veronelli 2017. Un’applicazione che, da sei edizioni, rende consultabili in modo agevole su dispositivi Apple e Android i contenuti della guida cartacea. Provvista di una legenda simbolica e di un’avanzata funzione di ricerca, l’applicazione si compone di un database suddiviso per Regione e per Comune, attraverso il quale sarà possibile rintracciare produttori e vini, usufruendo di utili strumenti come segnalibro, instant mail, web view, nonché possibilità da parte dell’utente di inserire note e fotografie. VINI LOMBARDI PREMIATI DALLA GUIDA ORO I VINI DI VERONELLI 2017 Super Tre Stelle 2017 Curtefranca Bianco Chardonnay 2012 - Ca' del Bosco, Erbusco (BS) Curtefranca Bianco Convento SS. Annunciata 2013 - Bellavista, Erbusco (BS) Franciacorta Brut Millesimato Secolo Novo 2009 - Le Marchesine, Passirano (BS) Franciacorta Extra Brut Quinque s.a. - Uberti, Erbusco (BS) Franciacorta Non Dosato Riserva Bagnadore 2009 - Barone Pizzini, Provaglio d’Iseo (BS) Franciacorta Riserva Brut Millesimato Contessa Maggi 2007 - Montenisa, Cazzago San Martino (BS) Franciacorta Satèn Vintage Collection Millesimato 2011 - Ca' del Bosco, Erbusco (BS) Franciacorta Vendemmia Rosé 2011 - Bellavista, Erbusco (BS) Maurizio Zanella Rosso del Sebino 2011 - Ca' del Bosco, Erbusco (BS) Sforzato di Valtellina Silver Edition Passione 2011 - Plozza Vini, Tirano (SO)   Grandi Esordi 2017 Franciacorta Extra Brut Cuvée Lucrezia Etichetta Nera 2006 - Castello Bonomi, Coccaglio (BS); Franciacorta Extra Brut Millesimato Riserva Nobile Alessandro Bianchi RNA 10 Anni 2004 Villa, Monticelli Brusati (BS); Franciacorta Non Dosato Riserva Sublimis Edizione Limitata 2006 - Uberti, Erbusco (BS)   Sole 2017 Sforzato di Valtellina Infinito 2010 - Tenuta Vinea Scerscè, Tirano (SO)   Migliori Assaggi - Miglior Vino Bianco 2017 Curtefranca Bianco Chardonnay 2012 - Ca’ del Bosco, Erbusco (BS).   UFFICIO STAMPA SEMINARIO VERONELLI Emanuela Capitanio Mob. + 39 347 4319334

Il cielo

Il cielo "stellato" della Leopolda: i migliori chef d'Italia in passerella a Firenze

A Firenze dal 27 al 28 novembre Food and Wine in Progress, il grande evento delle eccellenze d'Italia e di Toscana

SHOW COOKING, WINE TASTING, BARTENDERS E UNA DEGUSTAZIONE GUIDATA PER NON VEDENTI: FOOD & WINE IN PROGRESS 2016 ANTICIPA IL CALENDARIO DEI DUE GIORNI ALLA LEOPOLDA

SHOW COOKING, WINE TASTING, BARTENDERS E UNA DEGUSTAZIONE GUIDATA PER NON VEDENTI: FOOD & WINE IN PROGRESS 2016 ANTICIPA IL CALENDARIO DEI DUE GIORNI ALLA LEOPOLDA

Food&Wine in Progress sempre più vicino: il grande evento in programma alla Stazione Leopolda di Firenze domenica 27 e lunedì 28 novembre promosso dall'Associazione Italiana Sommelier Toscana (AIS) e dall'Unione Regionale Cuochi Toscani (URCT) in collaborazione con Confcommercio Toscana e Coldiretti Toscana

Olio Italiano

"Le Giornate dell'Olio e del Vino" a Gallese protagonista la tradizione

19 - 20 novembre 2016 - Gallese (Viterbo)

A Gallese, caratteristico borgo in provincia di Viterbo, due giorni con il trionfo della tradizione. Protagonisti assoluti, quest’anno in particolar modo, i sapori tipici del territorio, con un’attenzione specifica alle eccellenze che caratterizzano la zona,  a partire dai prodotti biologici del Bio-Distretto della Via Amerina e delle Forre che privilegiano, dunque, la coltivazione biologica e la filiera corta, con un occhio di riguardo per la salvaguardia ambientale. I visitatori, in un percorso enogastronomico dedicato nel centro storico del paese, potranno degustare, all’interno di taverne allestite a tema, tutte le specialità legate alla genuinità di un tempo ancora sapientemente preparate secondo le ricette delle nonne. Ecco quindi spuntare, sulle tavole imbandite a festa, le frittelle di ortaggi freschi, il pane mollo, la zuppa di funghi e tante altre delizie, rigorosamente realizzate con olio extravergine ed abbinate a selezionati vini  locali. Il secondo aspetto della manifestazione, oltre a quello culinario, è la promozione del territorio anche attraverso le sue bellezze storico, naturalistiche e culturali. La degustazione itinerante sarà dunque affiancata da eventi folcloristici e sportivi, visite guidate, escursioni, convegni e mostre. Il centro storico diverrà teatro di numerosi appuntamenti di vario genere, dai giochi popolari agli spettacoli musicali, dalle battaglie storiche al prestigioso mercato medievale di Opificium con botteghe di antiche arti e mestieri  fino all’accampamento militare medievale dei Guardiani del Cervo. Presso la sala mostre del Museo e centro culturale “M. Scacchi” sarà allestita l’importante mostra “Ritratti della Roma ottocentesca “ di Filippo Severati  (1819-1892) i cui ritratti, realizzati su basaltina proveniente dalla cava di Bagnoregio, sono tuttora esposti al cimitero del Verano di Roma. Nella giornata di domenica 20 novembre, infine, corollario sportivo delle Giornate dell’Olio e del Vino. Per il terzo anno consecutivo, infatti, Gallese ospiterà l’ultima tappa stagionale del Walk in Tuscia, circuito di camminate alla scoperta delle bellezze naturalistiche ed archeologiche del territorio in collaborazione con Special Training ed Atletica Viterbo. Per info dettagliate: pagina fb: ProLoco Gallese tel. 334-6231884, 338-7876043.

Girolio d'Italia 2015

Girolio d'Italia 2015

Girolio d'italia 2015: il tour dell'extravergine dedicato a expo

Sostenibilità ambientale

LA BIODIVERSITÀ IN VIGNETO Giovedì 17 novembre 2016, ore 15.00 Seminario Veronelli - Viale delle Mura 1, Bergamo

LA BIODIVERSITÀ IN VIGNETO Giovedì 17 novembre 2016, ore 15.00 Seminario Veronelli - Viale delle Mura 1, Bergamo

L'equilibrio tra qualità delle produzioni vitivinicole, sostenibilità ambientale e attrattiva paesaggistica al centro di un incontro di aggiornamento tecnico organizzato dal Seminario Veronelli in collaborazione con lo Studio Agronomico SATA

Un appuntamento rivolto a titolari e tecnici di aziende vitivinicole che vedrà gli interventi del Dott. Agr. Pierluigi Donna, Studio Agronomico Sata, e del Prof. Leonardo Valenti, Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università Statale di Milano. Oggetto di trattazione da parte dei relatori sarà il concetto di biodiversità inteso come fattore utile a favorire una più consapevole gestione delle aziende vitivinicole. Nel corso dell’incontro saranno approfonditi i metodi di valutazione e di monitoraggio che consentono una maggiore efficienza nelle strategie produttive delle aziende, la valorizzazione dell’ambiente di lavoro e di vita, nuove opportunità di comunicazione verso l’esterno, nonché una maggiore qualità delle uve e dei vini prodotti. «La salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità rappresentano elementi chiave per incrementare la sostenibilità della filiera vitivinicola, favorendo una maggiore consapevolezza nelle scelte operative aziendali e fornendo utili opportunità di comunicazione. Per questo abbiamo deciso di proporre ai nostri Associati e, in generale, agli operatori del settore vitivinicolo un incontro di aggiornamento tecnico organizzato in collaborazione con lo Studio Agronomico Sata» - ha annunciato Andrea Bonini, direttore del Seminario Permanente Luigi Veronelli. Lo Studio Agronomico Sata, infatti, ha sviluppato - in collaborazione con l’Università di Milano e con la Fondazione Edmund Mach di S. Michele all’Adige (Trento) - il Progetto Biopass (acronimo di biodiversità, paesaggio, ambiente, suolo e società): un metodo di valutazione che, attraverso aspetti pratici di indagine, fornisce un quadro dettagliato della situazione, in particolare della biodiversità e vitalità del suolo, componente fondamentale dell’ecosistema vigneto. «Il Progetto Biopass - che si avvale della collaborazione di importanti realtà produttive quali Guido Berlucchi, Ca’ del Bosco, Villa, Bosco del Merlo, Frecciarossa eccetera - consente di valutare i principali indici di biodiversità strutturale al fine di inquadrare le macro caratteristiche aziendali connesse. Con il suo utilizzo, ad esempio, è possibile comprendere il livello del compattamento del suolo a seguito dei passaggi con macchine operatrici, eseguire analisi della microfauna verificando il livello della salubrità dell’ambiente terricolo e, di conseguenza, effettuare le migliori scelte in ambito vitivinicolo. Un progetto che siamo felici di condividere con Associati e Lettori del Seminario Veronelli» - ha dichiarato il Prof. Leonardo Valenti, DiSAA - Università Statale di Milano. L’incontro è gratuito per titolari e personale delle Aziende Associate al Seminario Permanente Luigi Veronelli, nonché per studenti universitari, previo accredito all’indirizzo email eventi@seminarioveronelli.com. È, inoltre, aperto a professionisti, operatori e privati non Associati ai quali è richiesto un contributo di 20 euro IVA inclusa (in questo caso è richiesto l’acquisto dell’apposito ticket su seminarioveronelli.com/la-biodiversita-in-vigneto). Seminario Permanente Luigi Veronelli - Ufficio stampa Emanuela Capitanio

Innovazioni tecnologiche

Dendrochirurgia Da Simonit&Sirch Preparatori d'Uva la nuova frontiera per salvare i vigneti dal mal d'esca, senza estirparli. Risultati sorprendenti: il 90% delle piante operate torna pienamente produttivo

Dendrochirurgia Da Simonit&Sirch Preparatori d'Uva la nuova frontiera per salvare i vigneti dal mal d'esca, senza estirparli. Risultati sorprendenti: il 90% delle piante operate torna pienamente produttivo

Dendrochirurgia, ovvero la nuova frontiera per salvare i vigneti dal mal d'esca, probabilmente la più grave e diffusa malattia che colpisce i vigneti di tutto il mondo, e in particolar modo quelli europei. A mettere a punto una tecnica letteralmente "chirurgica" per evitare che le piante ammalate siano estirpate e sostituite, sono stati Simonit&Sirch Preparatori d'uva che, dopo 5 anni di lavori e sperimentazioni in vigneti italiani e francesi, presentano ora i primi, sorprendenti risultati raggiunti: il 90% delle piante trattate è tornato pienamente produttivo.

Un esito di enorme importanza, sia per la qualità dei vini che per la ricaduta economica. Infatti, estirpando le viti malate e sostituendole con nuove barbatelle, si crea nel vigneto una disparità della qualità delle uve, che influisce ovviamente sulla qualità e quantità del vino: avere delle piante più longeve possibile è un’esigenza prioritaria per tutti i vignaioli, ma soprattutto per le più importanti Maisons internazionali, dato che garantisce la continuità qualitativa e la riconoscibilità dei loro grandi vini. La dendrochirurgia consente inoltre alle aziende notevolissimi risparmi, dato che si evita il costo del reimpianto (estirpo delle viti malate, scavo della buche, impianto delle barbatelle, allevamento) e si ovvia alla mancata produzione da parte delle nuove piante per almeno 3 anni. Facendo ricerche bibliografiche, i Preparatori d’Uva hanno trovato testimonianze di una tecnica per risanare le piante infette da Esca e eliminare il legno cariato, che risale a circa 100 anni fa. “Abbiamo quindi pensato di sperimentare la dendrochirurgia, descritta da Ravaz e Lafon come praticata fin dall’antichità e praticata da Poussard alla fine dell’800 con risultati molto incoraggianti, 90-95% di ceppi risanati – racconta Simonit- Grazie all’interessamento del prof Denis Dubourdieu, recentemente scomparso, già direttore dell’ISVV Istitut des Sciences de la vigne et du vin dell’Università di Bordeaux, l’abbiamo messa in pratica con strumenti moderni.” Le prime prove sono state fatte nel 2011 a Chateau Reynon, quindi da Schiopetto in Friuli e da Bellavista in Franciacorta. In 6 anni di lavoro e sperimentazione, sono state operate 10.000 piante di 5 varietà (Sauvignon blanc, Chardonnay, Cabernet, Sauvignon, Cabernet Franc, Pinot nero), in vigneti italiani e francesi di 6 regioni viticole: Collio, Isonzo, Franciacorta, Bolgheri, Champagne, Borgogna, Bordeaux. 7 “chirurghi” Simonit & Sirch si dedicano oggi alla formazione delle maestranze interne alle aziende, per insegnare loro le delicate e precise operazioni che portano a perfetti risultati di dendrochirurgia. “In 4 anni (dal 2013 al 2016) il 90% delle piante di Sauvignon operate nell’azienda Schiopetto sono tornate produttive ed addirittura il 96% di quelle di Chateau Reynon – conclude Simonit – Siamo assolutamente soddisfatti di questi risultati, ma non ci fermeremo qui, perché il nostro è un lavoro sempre in progress. Dobbiamo, ad esempio, verificare quale è il miglior periodo dell’anno per intervenire, con quanta frequenza dobbiamo farlo, quante piante può operare al giorno una persona, per quanto tempo le piante che operiamo rimangono asintomatiche.” Informazioni - Preparatori d’Uva Ufficio Stampa - AGORA’ di Marina Tagliaferri  

CITTA' DEL VINO HA UN NUOVO PARTNER: FIRMATA LA CONVEZIONE CON ENOLO'

CITTA' DEL VINO HA UN NUOVO PARTNER: FIRMATA LA CONVEZIONE CON ENOLO'

Tanti i vantaggi per produttori e rivenditori legati a La Selezione del Sindaco

NDTECH

NDTECH

Addio "sentore di tappo": garantisce Amorim!